Mascarpone - Confortevole Cremosità

06/09/2018

Mascarpone - Confortevole Cremosità


Il mascarpone è il formaggio cremoso per eccellenza: il perfetto equilibrio di consistenza, dolcezza e sapidità lo rendono un ingrediente che non conosce dissenso. In parole più semplici: piace a tutti.

È immancabile per la preparazione della crema per il classico tiramisù, ma si usa anche per dare cremosità a molte ricette salate come ad esempio i risotti alle verdure o la pasta.

Il mascarpone è una specialità tipica della Regione Lombardia nel Nord Italia: veniva prodotto già nel XII secolo. Oggi è diffuso in tutta la Penisola ed esportato anche all'estero.


 

 

Origine

Quando e come sia iniziata questa produzione non è noto, molto probabilmente si tratta di un modo di utilizzare la crema di latte, un residuo tipico della lavorazione di molti latticini. Lo testimonierebbe il nome stesso, che in origine doveva essere "mascherpa", che significava appunto “crema di latte” nel dialetto lombardo.

Come accade spesso con i prodotti tipici che vantano antiche origini c’è chi sostiene un’altra versione per l’origine del nome: pare infatti che il termine mascarpone rappresenti la forma italiana dell'espressione spagnola “màs que bueno”, ossia “più che buono”. Secondo la tradizione questa è stata l’espressione di apprezzamento di un alto dignitario spagnolo quando ha assaggiato per la prima volta il mascarpone.


 

Produzione

Come già scritto il mascarpone si prepara a partire dalla crema di latte ottenuta dalla centrifugazione del latte. Quest'ultima viene riscaldata a bagnomaria a una temperatura di 90°C. L'aggiunta di acido citrico dà il via alla formazione della cagliata che viene quindi lasciata riposare per 8-12 ore in un luogo fresco. Trascorso questo periodo la cagliata viene raccolta con un telo con maglie molto fitte: l’operazione consente la separazione dal siero. La cagliata viene quindi versata in apposite forme che vengono riposte in camera fredda alla temperatura di 4°C per 18 ore.

A questo punto il mascarpone è pronto per il confezionamento, più spesso in vaschetta, e la vendita.

 

Valori nutrizionali

Trattandosi di un alimento derivato dalla crema di latte è per sua natura ricco di grassi e anche di calorie. Anche l’apporto di colesterolo è da tenere sotto controllo: una porzione da 100 g contiene già un terzo della quantità massima giornaliera consigliata per questo grasso.

Più che un formaggio è da considerare un “comfort food” o comunque un ingrediente da impiegare con moderazione per ottenere la cremosità desiderata ma senza eccedere. Queste considerazioni devono essere utili ad un consumo consapevole: il mascarpone trova il suo posto in una dieta equilibrata e in uno stile di vita attivo.

 

Come si usa

“Per fare il tiramisù” direbbe subito ogni italiano! Però è un ingrediente utile anche per dare cremosità al sugo per la pasta. In quest’ultimo caso ne basta un solo cucchiaino per porzione per ottenere un risultato piacevole. Ottimo anche nel risotto con la zucca e con le ortiche.


 

Bibliografia

- Mascarpone Artigianale Regione Lombardia. http://www.ersaf.lombardia.it/servizi/buonalombardia/Prodotti_fase03.aspx?lang=1&ID=96 (accesso del 30.08.2018)

- Art. 32, del R.D.L. 15/10/25

- Mascarpone. Daniela Peli, Francesca Ferrari

Quado' Editrice Srl, 15 gen 2015 - 96 pagine

- I formaggi italiani: Storia, tecniche di preparazione, abbinamenti e degustazione Piero Maffeis HOEPLI EDITORE - 192 pagine

- Mascarpone. Tabelle di composizione degli alimenti CREA

Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione http://nut.entecra.it/646/tabelle_di_composizione_degli_alimenti.html?idalimento=164800&quant=100 (accesso del 30.08.2018)

 

Autore

Francesca Antonucci


Foto

lagazzettadelgusto.it

ilgiornaledelcibo.it

sweetmoments

pixabay 

 

PRODOTTI CORRELATI

 

Articoli recenti




La Crema al Mascarpone

Pubblicato il 20/03/2019